Entro il 18 dicembre 2011 gli Stati membri della Comunità europea adotteranno le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative per conformarsi alla direttiva 2009/161/UE che definisce un terzo elenco di valori indicativi di esposizione professionale a sostanze chimiche in attuazione della direttiva 98/24/CE e che modifica la direttiva 2000/39/CE.
“I valori limite fissano valori soglia al di sotto dei quali non sono previste, in genere, conseguenze dannose per qualsiasi sostanza dopo un´esposizione di breve durata o giornaliera nell´arco dell´attività lavorativa di una vita”; i limiti indicati nella direttiva sono “destinati” ad aiutare i datori di lavoro al fine della determinazione e valutazione dei rischi.
A seguito della valutazione da parte del comitato SCOEL (Comitato scientifico per i limiti dell´esposizione professionale ad agenti chimici) per il fenolo (che figurava nell´allegato alla direttiva 2000/39/CE) si raccomanda “un limite di esposizione di breve durata (STEL) da associare al valore medio ponderato nel tempo (TWA) dei valori limite indicativi dell´esposizione professionale”.