La Direzione Generale per l’Università del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dietro indicazioni fornite dal Consiglio Universitario Nazionale, ha espresso il proprio parere favorevole in merito alla corrispondenza tra i diplomi di laurea del vecchio ordinamento in Ingegneria ed in Architettura e le lauree di cui alle classi 4, 8, 9 e 10, di cui al dal D. M. 4/8/2000, indicate nel comma 5 dell’art. 32 del Dl Lgs. 9/4/2008 n. 81, ai fini dell’esonero dalla frequenza dei corsi di formazione di cui al comma 2, primo periodo, dello stesso art. 32 (Moduli A e B) prescritti per i responsabili e gli addetti ai servizi di prevenzione e protezione interni ed esterni.
A seguito, quindi, del parere di corrispondenza espresso dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca gli ingegneri ed architetti laureati con il vecchio ordinamento sono pertanto esonerati dalla frequenza dei moduli A e B per RSPP e ASPP indicati nell’accordo del 26/1/2006 della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano ma per poter svolgere l’attività di RSPP in qualunque azienda appartenente ai vari macrosettori dovranno comunque frequentare il Modulo C di cui al citato Accordo Stato Regioni del 26/1/2006.

Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81, art. 32 – Corrispondenza dei diplomi di laurea (DL) del vecchio ordinamento in Ingegneria ed Architettura ai titoli indicati al comma 5 ai fini dell’esonero dalla frequenza ai corsi di formazione di cui al comma 2, primo periodo.
Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca  – Direzione Generale per l’Università – Ufficio II