chimiciLe industrie della plastica e della gomma possono essere annoverate tra i settori industriali più grandi e più dinamici dell’UE.
Complessivamente generano circa 3,2 milioni di posti di lavoro in più di 60 000 aziende.

Nel 2007 la vendita delle sostanze chimiche nell’UE si è attestata a quota 537 miliardi di euro,  che equivale a circa il 30 % delle vendite complessive.

La regolamentazione del settore ha un impatto significativo sull’industria ma è anche  un compito oneroso, che servirà a consolidare il ruolo guida dell’industria chimica europea in una  vivace ed intensa fase di competitività attraverso ricerca ed innovazione.

Con la corretta applicazione della normativa le imprese potranno inoltre salvaguardare la protezione della salute e dell’ambiente in un percorso virtuoso alla sostenibilità.

Per le autorità e per l’industria le principali sfide a livello normativo sono rappresentate dalla corretta applicazione del Regolamento REACH relativo alla Registrazione, Valutazione, Autorizzazione e Restrizione delle sostanze chimiche e del Regolamento CLP, in vigore dal 20 gennaio 2009, relativo alla classificazione, etichettatura e imballaggio delle sostanze e delle miscele.

Entro il 30 novembre 2010 le imprese  devono effettuare la registrazione delle sostanze chimiche di uso più comune o più pericolose  ai sensi del regolamento REACH.
Questa registrazione è una delle pietre miliari di REACH, il regolamento UE sulle sostanze chimiche e il loro uso sicuro.

Entro il 3 gennaio 2011 le imprese dovranno notificare all’Agenzia europea per le Sostanze chimiche (ECHA), la classificazione e l’etichettatura delle loro sostanze chimiche.
Al 10 settembre sono stati presentati all’ECHA circa 4000 incartamenti con un tasso d’incremento piuttosto accelerato.

La Commissione europea ha incoraggiato i dichiaranti capofila  a procedere alla registrazione entro il 30 settembre 2010, in modo di disporre di un margine di sicurezza in caso sorgessero problemi con le loro registrazioni e di aver tempo sufficiente per consentire agli altri dichiaranti di presentare i loro incartamenti prima della fine di novembre.

Le imprese devono presentare i loro fascicoli per via elettronica tramite lo strumento REACH-IT.
Il processo di registrazione non interessa soltanto l’industria chimica,  ma anche operatori che non appartengono direttamente al settore chimico come ad esempio quelli delle industrie metallurgiche o del tessile.
Gli utilizzatori di sostanze chimiche si trovano a dipendere dalla disponibilità delle sostanze sul mercato e dalla loro tempestiva registrazione.
E per giunta, in seguito alla registrazione, devono ottemperare alle raccomandazioni in materia di sicurezza migliorata formulate dai loro fornitori oppure, in certi casi, procedere a effettuare una propria valutazione del rischio per i loro fini specifici.

Le imprese devono inoltre riclassificare entro il 1° dicembre 2010 le sostanze che vendono conformemente alle nuove regole sulla classificazione e l’etichettatura e procedere quindi a notificare all’ECHA, entro il 3 gennaio 2011, dette classificazioni.

La classificazione è essenziale per determinare se una sostanza chimica sia pericolosa per la salute e l’ambiente e serve a stabilire le informazioni da apporre sulle etichette dei prodotti che i lavoratori e i consumatori usano.
Le notifiche dovranno essere inviate anche dalle PMI per piccole quantità di sostanze chimiche.

Documenti rilevanti:

Regolamento (CE) n. 1907/2006 (attenzione è un Testo consolidato) del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 concernente la registrazione, la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (REACH), che istituisce un’agenzia europea per le sostanze chimiche, che modifica la direttiva 1999/45/CE e che abroga il regolamento (CEE) n. 793/93 del Consiglio e il regolamento (CE) n. 1488/94 della Commissione, nonché la direttiva 76/769/CEE del Consiglio e le direttive della Commissione 91/155/CEE, 93/67/CEE, 93/105/CE e 2000/21/CE

Regolamento (UE) N. 453/2010 DELLA COMMISSIONE del 20 maggio 2010 recante modifica del regolamento (CE) n. 1907/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la registrazione, la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (REACH)

Regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio delle sostanze e delle miscele, che modifica e abroga le direttive 67/548/CEE e 1999/45/CE e modifica il regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH).